PANFORTE


Insieme a Ricciarelli e Cavallucci è uno dei dolci di Natale più amati in Italia, stiamo parlando del Panforte di Siena.

Il Panforte rappresenta anche la tradizione senese e da secoli è protagonista delle tavole delle feste anche se originariamente non era consumato solo a Natale.

Volete conoscere la vera storia del Panforte di Siena? Ve la raccontiamo noi.

Per conoscere la storia del Panforte in realtà dobbiamo andare molto indietro nel tempo e risalire a un altro dolce molto particolare: il Panpepato.
Esattamente come suggerisce il suo nome, questo dolce era legato proprio al pepe anche se oggi può sembrare strano.
Questo dolce era talmente “prezioso” che la sua preparazione veniva affidata solo all’Arte dei Medici e Speziali di Siena perché fra i suoi ingredienti si trovavano le conce di arancia, cedro e melone, spezie e droghe molto costose infine, una volta pronto, veniva ricoperto da una coltre di pepe nero.

Ovviamente proprio per il costo delle spezie e delle droghe che lo componevano, il Panpepato era un dolce riservato ai nobili senesi e così fu per secoli.
Le cose cambiarono però nel 1879 quando la regina Margherita visitò la città di Siena per il Palio. Per omaggiare Margherita di Savoia la città volle preparare un dolce in suo onore che rappresentasse anche la tradizione e la cultura.
Si pensò al tradizionale Panpepato ma, per renderlo più dolce e adatto al fine palato di una regina, si decise di togliere le conce di melone e di sostituire la copertura di pepe con una di zucchero vanigliato.

Nacque così il famoso Panforte di Siena.

Nel 2013 Panforte e Panpepato hanno ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione geografica Protetta) per questo può essere prodotto solo nel territorio di Siena e secondo un disciplinare rigoroso.


Per quanto riguarda il Panforte, il disciplinare prevede degli ingredienti obbligatori come farina di tipo 0, frutta secca e in particolare mandorle dolci intere non pelate, frutta candita come cedro e scorze di arancia, zucchero, miele e spezie, ostie di amido.


Per quanto riguarda il Panpepato invece il cedro viene sostituito con il melone, il miele è facoltativo e si aggiunge il pepe alle spezie che vengono usate sia per l’impasto che per la copertura finale.

Orari di Apertura



Dal lunedì al sabato 8.00 - 13.30

                                     16.00 -20.00


Domenica : chiuso



Domenica di Dicembre aperta tutto il giorno
Sabato e domenica di Dicembre orario continuato


Copyright © All Rights Reserved